B - PRESTAZIONI IMPRESE - PROGETTO AMBIENTE SICUREZZA

Il progetto riguarda gli interventi i cui documenti di spesa riportino data non anteriore al 1 gennaio e non successiva al 31 dicembre di ciascun anno.

Il contributo a fondo perduto andrà a rimborsare il costo che le imprese sostengono per:

TIPOLOGIA A

1.  Adattamento di nuovi ambienti di lavoro nel caso di trasferimento nel corso del periodo 1 gennaio – 31 dicembre dell’unità produttiva in altro immobile rispondente alle normative di legge in materia di ambiente di lavoro;

2.  ristrutturazione totale o parziale di immobili destinati all’attività aziendale finalizzati all’adeguamento alle normative ambientali di sicurezza.

Le richieste devono riguardare beni e/o servizi il cui costo unitario sia superiore a 5.000 euro al netto IVA.

Nei punti 1 e 2 rientrano:

  • sostituzione coperture in amianto;
  • lavori di adeguamento per la normativa antincendio (apertura uscite sicurezza porte REI, installazione sistemi rilevazione fumi e spegnimento automatico, ecc…);
  • lavori di adeguamento locali sotterranei e semisotterranei per svolgimento dell’attività (impianti di ricambio d’aria, realizzazione vespai aerati, ecc…);
  • ampliamento della superficie aerante degli infissi;
  • misure tecniche strutturali per la riduzione dell’esposizione dei lavoratori al rumore;
  • altri lavori di adeguamento alle normative ambientali di sicurezza.

TIPOLOGIA B

1.  Interventi su impianti (elettrici, aspirazione, ecc);

2. Interventi su macchinari e/o attrezzature esistenti per adeguamento alle normative ambientali.

Le richieste devono riguardare beni e/o servizi il cui costo unitario sia superiore a 2.000 euro al netto IVA.

Nel punto 1 rientrano:

  • miglioramento microclima (es. realizzazione impianti climatizzazione, ecc…);
  • impianti di aspirazione di inquinanti aerodispersi;
  • interventi di adeguamento degli impianti che prevedano accorgimenti per il risparmio energetico (es. installazione lampade a LED, pannelli fotovoltaici, ecc…);
  • impianti elettrici con requisiti tecnici specifici (es. antideflagranti, con nodo equipotenziale, ecc…);
  • altri impianti specifici per tipologie di lavorazione.

Nel punto 2 rientrano:

  • misure tecniche sui macchinari per la riduzione dell’esposizione dei lavoratori al rumore (es. realizzazione box insonorizzati);
  • altre misure tecniche di adeguamento alle normative ambientali.

La prestazione è cumulabile con le altre prestazioni di Sostegno al Reddito.

Contributo massimo annuo

Contributo: 5% del costo sostenuto (netto IVA)

Da 1 a 3 dipendenti* - Max Euro 1.000,00

Da 4 a 6 dipendenti* - Max Euro 1.500,00

Da 7 a 10 dipendenti* - Max Euro 2.000,00

Oltre 10 dipendenti* - Max Euro 2.600,00

*Il numero di dipendenti verrà calcolato effettuando la media mensile dei versamenti sui 12 mesi precedenti l’evento.

Tempi e modalità

L’impresa invia la domanda di contributo all’EBAP di Bacino non appena in possesso della documentazione completa e comunque non oltre il 20 marzo dell’anno successivo con:

  • Modulo B2;
  • Copia fatture di acquisto;
  • Documentazione illustrativa del bene acquistato;
  • Copia progetto di ristrutturazione/adattamento;
  • Copia progetto impianto;
  • Descrizione tipologia intervento.

Le pratiche verranno protocollate in ordine cronologico di presentazione (data timbro postale o data ricezione pratica dall’EBAP di Bacino).

Segue MODULISTCA